Una patata dalla fame dei tempi, alla fama di oggi. - PORTALE WEB DEL CASENTINO

CASENTINO
Live
Cerca
Il Portale dei Casentinesi
Vai ai contenuti

Menu principale:

Una patata dalla fame dei tempi, alla fama di oggi.

Patata Rossa di Cetica

Si hanno notizie certe sulla produzione di questa patata sin dai primi anni del novecento e si pensa che possa derivare dalla varietà scozzese Red King Eduard.
Il tubero è di media pezzatura e di forma rotonda – ovale, spesso con qualche globosità. L’epidermide è rossa, liscia e con occhi profondi. La pasta si presenta compatta, di colore bianco, con qualche venatura rosa in prossimità della zona del cambio.
La pianta è caratterizzata da fiori di colore lilla – roseo con sepali di colore verde, rivestiti da pelosità bianca.
La patata rossa di Cetica, per le sue caratteristiche organolettiche e sensoriali, è indicata per la preparazione di piatti tradizionali come stufati, fritture, gnocchi ecc.; regge molto bene la cottura ed ha un gusto molto pronunciato, fine e delicato.
Per un ottimale sviluppo vegetativo di questa pianta sono da prediligere i terreni freschi e tendenzialmente sciolti come si ritrovano su gran parte delle pendici del Pratomagno ed in particolare nella zona di Cetica, dove la coltivazione delle patate in genere ha una lunga tradizione e fama.
Dal dopoguerra ad oggi la coltivazione della Rossa di Cetica è stata progressivamente soppiantata da quella di altre varietà provenienti dal nord Europa e dall’America, anche a causa della progressiva diminuzione di produttività per lo svilupparsi di forti attacchi di tipo virotico. A riguardo è in corso un progetto di recupero e caratterizzazione varietale, destinato al ripristino di questa coltivazione e alla valorizzazione del prodotto in campo gastronomico.

                              I Produttori:

Consorzio Patata Rossa di Cetica
Loc. La Chiesa 138/A - Cetica
52018 Castel San Niccolò(AR)
tel. 335 6153974
email: info@patatarossadicetica.it
sito web: www.patatarossadicetica.it



 
Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu